Che cos’è NeuroNet
È la prima comunità di utenti professionali del neuromarketing in Italia promossa da Ainem con l’obiettivo di favorire lo scambio di esperienze, conoscenze e informazioni riguardanti l’applicazione delle neuroscienze al mondo del marketing e del business. Chi sono sono gli iscritti a Neuronet? Manager, imprenditori, studiosi, ricercatori, consulenti, giornalisti, che hanno manifestato interesse partecipando a seminari e convegni, che hanno letto libri pubblicati sul tema, che hanno pubblicato articoli e saggi sull’argomento, oppure hanno fornito il loro contributo di idee sui social e sui blog dedicati alla materia, che hanno svolto attività di ricerca di neuromarketing.


Chi partecipa a NeuroNet
Manager, imprenditori, opinion leader, professionisti, giornalisti, esperti e studiosi di neuromarketing


Le attività di NeuroNet
NeuroNet è una community cultori del neuromarketing e delle altre possibili applicazioni delle neuroscienze al mondo del business. Farne parte vuol dire accedere ad una serie di vantaggi esclusivi.

Copia di iStock 500321081

 

Dicono del neuromarketing:

"Le emozioni rappresentano sempre più un driver di grande rilievo nel processo di decision making. Per le ricerche di mercato un tema cruciale è capire come poter rilevare le emozioni e qual è la loro relazione con la pianificazione del comportamento.”

Foto Cantarini

Rita Cantarini
Corporate MPI (Ricerche di Mercato) at Fater S.p.A.

 

"È stato affascinante scoprire questa recente branca del Marketing e capire piu’ a fondo le reali dinamiche comportamentali e d’acquisto dei consumatori. È stato sorprendente apprendere il ruolo della parte emozionale nel processo decisionale dei consumatori. È una materia che ciascun operatore di marketing dovrebbe conoscere”

Foto Ciotti

Paolo Ciotti
Marketing Manager HP Italy

 

“Siamo abituati a immaginare che i processi di scelta siano in gran parte frutto di analisi razionali. Invece sono gli aspetti sensoriali, cognitivi non consapevoli ed emozionali a guidarci. Occorre, quindi scendere più in profondità nei processi di comprensione di come, a livello inconscio, percepiamo gli stimoli esterni. Ecco il neuromarketing collega il percepito all’esperienza e ricostruisce i customer journey, facendo emergere i punti chiave della relazione.”

Foto Crispino

Raffaele Crispino
CEO Project & Planning Srl, CMO Fondazione Armonie d’Arte

 

"Credo che oggi le neuroscienze rappresentino un punto di partenza fondamentale per sviluppare le varie competenze di chi fa business e interagisce quotidianamente con altre persone. Dalla negoziazione alla vendita, dal marketing alla leadership, le neuroscienze sono uno strumento utilissimo per codificare al meglio comportamento, decisioni e leve motivazionali”

Foto Mancini

Marcello Mancini
Fondatore e Ceo di Performance Strategies

 

"In un mondo digitale sempre più interattivo e immersivo, dove atomi e bit diventano indistinguibili, la comprensione delle dinamiche emozionali dei potenziali clienti di ogni genere di prodotto o servizio diventa un elemento chiave per la messa a punto delle strategie di marketing. Avere a disposizione uno strumento capace di impattare su ogni aspetto della comunicazione aziendale significa essere più competitivi e guardare realmente alle esigenze del mercato. Il futuro vedrà sempre più una continuità delle esperienze relazionali tra aziende e clienti, dal sito web al punto vendita passando attraverso social media, chat bot, app e realtà virtuale. In questo scenario, il neuromarketing può essere un elemento capace di fare la differenza tra il successo e l’insuccesso di un prodotto.”

Foto Massimo Giordani

Massimo Giordani
Digital Strategist, Vice Presidente di AISM Associazione Italiana Marketing, Università di Torino

Ainem su:

Per informazioni:   

CONTATTACI
Top